Translate

Follow this blog with bloglovin

Follow on Bloglovin

lunedì 17 giugno 2013

L'acidità femminile




Ci tengo a premettere che non sono maschilista e non sono qua a criticare il genere femminile, visto che sono il primo a rispettarlo e, ovviamente, apprezzarlo.
Una cosa però va detta: perché noi uomini veniamo sempre etichettati come "i tonti"?
L'uomo matura più tardi, la donna è il futuro, senza la donna non si va avanti, i più grandi casini nella storia umana sono stati fatti da uomini eccetera eccetera eccetera.
Proviamo a vedere la cosa sotto un'altro punto di vista: e se l'uomo, durante il processo evolutivo, vedendo maturare la donna, avesse deciso di ritardare quel processo volutamente?
Conosco ragazze, la mia in particolare, in grado di arrabbiarsi per qualunque cosa.
Se prendono due kg, è colpa tua di quando hai offerto loro un gelato mesi prima.
Se il telecomando è rimasto sopra la tv e già si sono accomodate, è colpa tua perché dovevi prevedere che sarebbe stato meglio metterlo sul divano. Se lo han messo loro lì, è colpa tua che fai far sempre tutto a loro.
Se il vicino fa macello di domenica mattina è colpa tua che non gli dici niente.
Se hanno il ciclo è colpa tua che non capisci cosa provano.
Se sono in cinte è colpa tua che ce l'hai messe.
Se c'è un Se, è colpa tua perché non può essere altrimenti.
Ma, cosa più importante, SE PROVI A RIBATTERE. Quella è la fine. Quella è d'avvero la fine.
Mai ribattere una donna perché troverà sempre il modo di farti sentire un completo imbecille. Se quel modo non c'è, il motivo diventa: "E' così e basta".
Mediamente la ragazza cerca sempre il ragazzo più grande; in psicologia motivano ciò legandosi alla preservazione della specie. Io direi che è solo perché ha più pazienza e sa stare in silenzio mentre loro sbraitano senza motivo.
Attenzione: state andando in guerra con l'esercito Italiano, sarete in prima fila e il rischio di morte è altissimo. Avete a disposizione solo una telefonata perché il tempo stringe e non c'è modo di farvi salutare chiunque.
La chiamate.
-"Amore volevo farti un'ultimo saluto. Stiamo per agire.."
-"Pronto?? L'AUTOBUS NON PASSA! MALEDETTO IL GIORNO IN CUI MI HAI PORTATO IN QUESTA CITTA'! ME NE VOGLIO ANDARE!" Ecc ecc ecc..
Che essere adorabile.
Fin ora vi ho descritto il genere femminile nella quotidianità, ma non è tutto. Una settimana al mese quella "pace" viene interrotta da un macabro avvenimento: la venuta del ciclo mestruale.
La vostra Lei, non solo non finirà mai le batterie atte a trattarvi male. Ma sette giorni mensili modificherà anche il motore aggiungendo un turbo. Purtroppo legale.
Le parole in una frase raddoppieranno e si affineranno. Non avrà più bisogno di fiato per parlare perché una volta esaurite le risorse polmonari, basterà il movimento delle labbra per mandarvi quelle vibrazioni estremamente acide, che vi faranno capire cosa avete sbagliato.
Sarà un'errore amarle.
Sarà un'errore odiarle.
Sarà un'errore commettere errori.
Ricordate cari compari uomini: non chiedete mai spiegazioni. Non so se ne hanno o no, ciò che so, è che non capirete.
Ora devo andare... la mia ragazza ha il ciclo ed è estremamente acida. Poco fa si è arrabbiata con me perché l'autobus aveva lo specchietto rotto.
Se non dovessi fare altri post, sapete perché.
Buona fortuna popolo maschile!
Buona fortuna anche a me.

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Certo che sei proprio un pezzo di merda eh. Non era lo specchietto il motivo! C'era un caldo assurdo e il tempo stringeva, ma tu non mi capisci mai.
    Ti Amo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nono te sei acida, non cercare scusanti <3

      Elimina